Risotto ai mirtilli

Bellissimo grazie al suo colore intenso, delicato grazie al suo sapore che accarezza appena al palato e insolito grazie all’unione di due ingredienti che raramente si incontrano nello stesso piatto: per questo fine settimana prepariamo un delizioso risotto ai mirtilli!

In realtà è molto più semplice di quanto si possa pensare, anche perché aggiungere troppi elementi e coprire quindi il sapore dei mirtilli sarebbe un vero peccato.
Inoltre mi piace pensare che, ogni tanto, anche una ricetta più particolare possa strizzare l’occhio alla praticità e al bisogno di “fare in fretta” che ognuno di noi ha.
Per preparare questo primo, servono davvero pochissimi ingredienti!
Scopriamo insieme quali e come usarli:

F1903-2019-1059618478988895759-01

Per 4 porzioni, preparate:

  • 350 g di riso
  • 200 g di mirtilli maturi
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • 1 noce di burro
  • mezza cipolla bianca
  • pepe nero

Prepararlo sarà incredibilmente facile:

  • Fate bollire il riso in acqua leggermente salata per circa 17 minuti (controllate sempre le tempistiche indicate sulla confezione e da quella sottraete un paio di minuti);
  • Contemporaneamente a questo, fate ammorbidire a fuoco medio i mirtilli insieme al burro. Saranno sufficienti pochissimi minuti!
  • Passate con il frullatore ad immersione i mirtilli e riportate sul fornello, aggiungete la cipolla e metà del bicchiere di vino e lasciate andare a fuoco basso.
  • Quando il riso sarà pronto, scolatelo accuratamente, aggiungetelo al sughetto di mirtilli e amalgamate con cura. Una volta raggiunto un colore omogeneo, alzate la fiamma e versate il vino rimasto, lasciate asciugare continuando a mescolare e… già fatto! Il vostro risotto è pronto per ricevere una leggera spolverata di pepe nero ed essere servito!

Per guarnire il piatto, io ho utilizzato queste splendide rose che ho prelevato da un bouquet che gli amici di Colvin hanno realizzato per me. Non si tratta di fiori eduli ma erano così belli che sarebbe stato un peccato non farlo!
Potete sostituire le rose con delle meravigliose primule commestibili, sono perfetta in questa stazione ed il colore si accorda perfettamente a quello che assume il riso una volta che abbraccia il succo di mirtillo!

F2603-2019-041506516091994916293-01

F2603-2019-045765516194584170965-01

F2603-2019-045605216432981732908-01

F2603-2019-044397016540899775600-01

F2603-2019-041046216507392074563-01

F2603-2019-043969216356621832399-01

F2603-2019-040247016259399295435-01

Testo a cura di Micol Uberti
Preparazione, styling e fotografia a cura di Micol Uberti

Ti piace questo piattino firmato Easy Life?
Scopri anche QUESTO tra le loro proposte!

Il pomodorino giallo? Un piccolo sole tutto da scoprire!

Devo essere sincera ed ammetterlo: se penso al pomodoro, mi viene in mente subito il colore rosso. Anche per voi è così, vero? Eppure, è un grande peccato che il datterino giallo passi un po’ in secondo piano, perché si rivela ottimo anche per condire la pasta!
Non mi credete? Allora continuate a leggere, perché vi convincerò del contrario.

pam panorama gialli 1 uberti

Quando ho ricevuto a casa la Pam Box di Pam Panorama, dentro la quale si nascondevano tante delizie mediterranee e una sfida ai fornelli per me, la prima cosa che ho pensato è stata: “Fantastico, ora mi faccio una bella pastasciutta al sugo!” e nella mia mente si è formata l’immagine di un piatto fumante di spaghetti, rossi di pomodoro e pieni di profumo. Ma non è più bello cercare di scoprire sempre qualcosa di nuovo? Allora ho preso in mano il vasetto di Datterini Gialli interi in succo, della linea I Tesori, insieme alle Olive Taggiasche (di cui sono veramente ghiotta!) e ho deciso: sì! E’ ora di creare una ricetta diversa dal solito!
E’ così che ho preso al volo la pentola, l’ho riempita di acqua e l’ho messa a bollire.
Nell’attesa di buttare la pasta (so che non è un termine molto raffinato, ma mi piace troppo quell’idea di quotidianità e italianità che esprime, perciò lasciatemelo dire!) continuavo a pensare a cosa poter aggiungere per rendere il piatto ancora più sfizioso ma in breve tempo ho capito che in realtà, tutto questo sforzo, non era affatto necessario…
La dolcezza dei datterini e la sapidità delle olive formavano già da sole un equilibrio perfetto. E’ stato amore a prima forchettata!

pam panorama gialli 3 uberti

pam panorama gialli 2 uberti

Testo e fotografia a cura di
Micol Uberti

Pranzo gourmet con Quomi : penne di lenticchie rosse con ragù di pollo.

Cucinare mi piace.
Mangiare mi piace.
Che novità, eh? In effetti è un aggancio un po’ scontato per iniziare un articolo!
Quello che non sapete (forse) è che mi piace anche vivere nel mio mondo ideale in cui io rimango spalmata sul divano, per quel poco tempo che posso farlo, e tutto ciò che desidero giunge a me in uno schioccar di dita.
Troppo facile, un sogno un po’ snob! E invece no.
Cosa c’entrano queste tre premesse da sole? C’entrano, perché sono ciò che mi ha fatto scegliere il mio pranzetto di oggi.

Quomi, gli ingredienti direttamente a casa tua

La comodità è una gran cosa e spesso il cibo pronto è un grosso aiuto, ma dobbiamo anche ammettere che toglie al momento del pasto una peculiarità fondamentale: il momento creativo del preparare il piatto.
Non vi è mai capitato di sperimentare aggiungendo una spezia in più, di assaggiare un impasto intingendo il dito nella ciotola, di godere del profumo che riempie casa durante la cottura di un sugo? Sono tutte emozioni che si perdono nel caso di un piatto pronto e, sinceramente, io faccio veramente fatica a rinunciarci.
Quomi è la soluzione ideale per me: dopo aver selezionato la ricetta dal loro sito internet, in pochi e rapidi passaggi è possibile ordinare tutto l’occorrente necessario per poterla preparare direttamente a casa propria. Et voilà!
Riceveremo tutto l’occorrente, con tanto di indicazioni precise per ottenere il migliore risultato.

 quomi - uberti - penne di lenticchie 1

Solo ingredienti di prima qualità

Ciò che si trova nella confezione Quomi è una vera e propria ricetta gourmet non solo per quella che sarà la pietanza finale, gustosissima e particolare, ma anche e soprattutto per gli ingredienti di prima qualità, come ad esempio il macinato di pollo Fileni con cui ho preparato il ragù per condire le penne di lenticchie rosse.
Una vera delizia ed una garanzia anche!

quomi - uberti - penne di lenticchie 2

La ricetta: un gioco da ragazze… super impegnate!

Seguire gli step per creare la ricetta selezionata a casa è davvero semplice e non richiede mai troppo tempo.
I consigli degli chef Quomi, infatti, sono pensati proprio per far risparmiare ogni minuto e incastrano alla perfezione i vari passaggi.
Loro lo sanno che noi, ragazze super impegnate, non conosciamo modo migliore se non il cibo per premiarci dopo una fitta giornata di impegni..
Per preparare le mie penne di lenticchie rosse con ragù di pollo, ho impiegato appena 25′!

quomi - uberti - penne di lenticchie 5quomi - uberti - penne di lenticchie 4quomi - uberti - penne di lenticchie 3

Aggiungi un posto a tavola!

E se non foste da sole a tavola?
Non penserete forse che la ricetta è solo una persona!
Quomi è dell’idea, come me, che il momento del pranzo o della cena vada necessariamente condiviso: mangiare è un piacere che va di pari passo con il concetto di convivialità!
Tutti gli ingredienti contenuti nella box sono per 4 persone massimo.
In caso di amiche del cuore che piombano a casa senza troppo preavviso!

quomi - uberti - penne di lenticchie 10quomi - uberti - penne di lenticchie 8quomi - uberti - penne di lenticchie 6

Testo e fotografia a cura di
Micol Uberti

 

Aspettando il 2017… in cucina, con Berlucchi

L’allegria del colore vivace di una zucca dalla polpa profumatissima, la voglia di creare una ricetta diversa dal solito e soprattutto di sperimentare nuovi sapori da accostare con il re della mia tavola di domani, 1 gennaio 2017: una bottiglia di Berlucchi Cuvée Imperiale.

La zucca diventa una morbida crema che abbraccia i cavatappi (mi sembra giusto utilizzare questo formato di pasta, in questo periodo dell’anno!), accoglie i fagioli cannellini e gli straccetti di petto di pollo agli aromi. Il sapore è delicato ma sofisticato, al palato si apre un ventaglio di sentori che passano dal dolce erbaceo della vellutata e poi lasciano spazio alla sapidità della carne, fatta saltare in padella con anelli di cipolla dorata appena tagliati, che sprigionano così tutto il loro succo nell’olio bollente.
E’ una festa: una festa per gli occhi e per la bocca.

Il vino franciacortino sveglia le papille gustative con il suo perlage persistente e apre il palato preparandolo alla percezione del sapore del piatto.
Ovattato, fresco e inconfondibile, il Berlucchi Cuvée Imperiale è la proposta più azzeccata per chi cerca un brut leggero che sia il protagonista del pranzo, dal momento del brindisi agli antipasti per arrivare fino al momento del dolce, in un pasto da condividere con chi si ama.

Questo sarà ciò che mangeremo noi domani come prima portata, alla quale seguirà senza dubbio il più tradizionale cotechino con le lenticchie. Quello che ho scelto io è di Salumi Pasini, buonissimo e genuino! Voi cosa mangerete?

Vi auguro con tutto il cuore che sia un anno pieno di sorprese magiche e di amore incondizionato.
Buon 2017!

dsc_0095-01-01
dsc_0094-01
dsc_0103-01
dsc_0101-01
dsc_0098-01-01
dsc_0097-01
dsc_0099-01
dsc_0102-01

Fotografia a cura di Micol Uberti

lineasemplice

Un radicchio speciale

Tutti a tavola con me! Oggi si mangia una pasta veg gustosissima con un ingrediente nobile.

Se vi dico la parola “radicchio” pensate subito a quello rosso, vero? E invece ne esiste anche una qualità più pregiata che viene direttamente da Castelfranco, nel trevisano, ed è il radicchio variegato. Amaro e dal colore pallido, si presta molto bene per creare primi piatti che possono includere una fantasia di ingredienti molto ampia. È da un po’ di tempo che non vi propongo qualche ricetta ed oggi, per farlo, mi sono fatta dare un consiglio dal mio amico Jacopo, che ci ha preso in pieno. Vi spiego allora come preparare un pasta veg davvero speciale!

micoluberti_ortoromi8

Come avrete capito, in questa ricetta l’elemento principe è proprio questa insalata, ecco perchè è necessario che sia di alta qualità e freschissima: io ho scelto quella di OrtoRomi, da sempre una garanzia per quanto riguarda il mondo delle verdure. Per chi non la conoscesse, è un’azienda che offre la possibilità di acquistare il fresco ma anche piatti pronti di vario tipo.

micoluberti_ortoromi5

Torniamo a noi! Preparare questo piatto è facile e veloce, vedrete che verrà apprezzato da tutti, purchè siano adulti per via del sapore amarognolo che la contraddistingue. Mentre fate bollire l’acqua per le linguine, affettate la cipolla in pezzi grossolani e la mettete a soffriggere insieme ad uno spicchio di aglio in 2 cucchiai di olio preriscaldato in padella. Una volta che il trito è imbiondito, aggiungete il radicchio ulteriormente tagliato a listarelle e coprite con un coperchio in modo da dargli una veloce stufata (5 minuti saranno più che sufficienti). Lasciate riposare senza coperchio per il tempo necessario alla cottura delle linguine. Una volta scolate, unitele al radicchio, aggiungendo sale, un cucchiaino di pepe nero ed uno di noce moscata. Fate saltare a fiamma viva per circa 3 minuti e… voilà! Il pasto è servito! Io l’ho accompagnato con un bicchiere di Lacrima Cristi ma mi rendo conto che per alcuni palati potrebbe essere un mix troppo austero, in tal caso potete abbinare anche un vino bianco più leggero e delicato al palato. Fatemi sapere come lo avete trovato!

firma2

micoluberti_ortoromi7
micoluberti_ortoromi1
micoluberti_ortoromi3
micoluberti_ortoromi2
micoluberti_ortoromi4
micoluberti_ortoromi6

Ph. Micol Uberti
newsep

farf1